Un intero anno dedicato a celebrare Leonardo da Vinci, a Cinquecento anni dalla sua scomparsa. Aspettando l’arrivo al cinema di Io, Leonardo – che dal 26 settembre ci permetterà di entrare nella mente del Genio simbolo del Rinascimento – ti consigliamo le mostre da non perdere per avvicinarti a questa straordinaria figura.

Seguici in questo giro d’Italia, tra Scienza, Tecnologia e Arte, per conoscere Leonardo da Vinci e approfondisci tutte le iniziative dedicate al genio grazie allo speciale su Arte.it.

Leonardo a Milano

Il nostro viaggio per celebrare Leonardo non può che iniziare da Milano. La città – che lo accolse per quasi vent’anni alla corte di Ludovico il Moro – festeggia il Cinquecentenario con un palinsesto ricco di iniziative, tra accurati restauri, tecnologie immersive ed esperienze multisensoriali.

Partiamo dal Castello Sforzesco, dove la straordinaria riapertura della Sala delle Asse dopo un lungo restauro è al centro di Leonardo Mai Visto, fino al 12 gennaio 2020. Un percorso imperdibile per conoscere l’opera di Leonardo e approfondire il suo legame con la Città.

Un altro restauro è protagonista a Palazzo Reale dal 7 ottobre al 17 novembre 2019: La Cena di Leonardo per Francesco I: un capolavoro in seta e argento, presenta infatti per la prima volta dopo il suo restauro la copia del Cenacolo di Leonardo realizzata ad arazzo fra il 1505 e il 1510 su commissione di Luisa di Savoia e di Francesco Duca d’Angouleme, poi re Francesco I di Francia.

Dal 18 giugno al 15 settembre 2019 invece alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana la mostra Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico approfondisce gli ultimi anni di attività del Maestro, attraverso una selezione di 23 fogli dal Codice Atlantico databili al soggiorno francese di Leonardo, presso la corte di Francesco I. Sempre all’ Ambrosiana, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile ammirare i disegni realizzati da Leonardo e dagli artisti della sua cerchia con Leonardo e il suo lascito: gli artisti e le tecniche.

Nell’itinerario milanese non può mancare una tappa al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia, dove fino al 13 ottobre ti aspetta Leonardo da Vinci Parade, curata dal Museo e realizzata in collaborazione con la Pinacoteca di Brera.

Per un’esperienza totalmente immersiva l’appuntamento è invece fino al 22 settembre al Museo Fabbrica del Vapore per Leonardo da Vinci 3D, una mostra rivoluzionaria e futuristica caratterizzata da un linguaggio multisensoriale fra realtà aumentata, ologrammi, percorsi immersivi.

Nelle celebrazioni milanesi, il Cavallo – mai realizzato – di Leonardo è protagonista di un grande progetto di valorizzazione. Leonardo Horse Project raccoglie 13 riproduzioni in scala del Cavallo, personalizzate da artisti di fama nazionale e internazionale, che – dopo l’esposizione all’Ippodromo Snai San Siro durante la Design Week – invaderanno la città in modo pacifico posizionandosi in diversi luoghi leonardeschi fino a novembre.

L’omaggio della Toscana

Ma le celebrazioni attraversano tutta l’Italia, passando ovviamente per la terra natale di Leonardo.

La Toscana lo omaggia, tra le tante iniziative, a Firenze con Leonardo da Vinci sulle tracce della Battaglia di Anghiari, fino al 12 gennaio 2020. Il Museo di Palazzo Vecchio celebra il capolavoro perduto con un itinerario dedicato a ripercorrerne la storia attraverso le varie testimonianze della vicenda che si conservano al suo interno, accompagnate per l’occasione da speciali apparati di approfondimento tematico.

Nella natìa Vinci, invece, fino al 15 ottobre al Museo Leonardiano si indaga il legame con la terra d’origine, e le suggestioni che essa offrì al suo percorso di artista, tecnologo e scienziato. Tra i documenti più suggestivi della mostra Leonardo da Vinci – Alle origini del Genio spicca il registro notarile del bisnonno di Leonardo sul quale, all’ultima pagina, il nonno Antonio da Vinci annotò la nascita del primo nipote.

Roma, Torino, Venezia e Parma

Voliamo poi a Roma che – nell’aeroporto a lui dedicato – rende omaggio a Leonardo con un percorso espositivo che raccoglie le spettacolari macchine del volo e le animazioni dei suoi disegni: la mostra Le ali di Leonardo. Il genio e il volo, al Terminal 1 e Terminal 3 del Museo Aeroporto Leonardo Da Vinci fino al 31 gennaio 2020.

Proseguiamo verso Parma, per ammirare alla Galleria Nazionale fino al 12 agosto una sequenza strepitosa di capolavori, a partire da ben quattro opere di Leonardo, protagoniste de La fortuna de La Scapiliata di Leonardo da Vinci. Un simbolo immortale di forza, libertà, femminilità.

I preziosi fogli autografi conservati alle Gallerie dell’Accademia di Venezia sono invece al centro di Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo, insieme a prestiti eccezionali dai più grandi musei mondiali. Una sezione speciale sarà dedicata allo studio di proporzioni e di anatomia che vedrà come fulcro l’Uomo Vitruviano.

Il nostro percorso si conclude al Museo del Cinema di Torino, che dedica a Leonardo un’installazione multisensoriale che intende mettere in dialogo i suoi ritratti fisiognomici con le sue descrizioni degli “accidenti mentali”, artefici dei movimenti del volto: Leonardo da Vinci e i moti dell’animo, fino al 6 gennaio 2020.

L’appuntamento al Cinema

Dal 26 settembre invece l’appuntamento con Leonardo da Vinci è in sala, con Io, Leonardo: un viaggio inedito e coinvolgente nella mente più geniale che la storia dell’umanità abbia mai conosciuto.